camminate
rivoluzionarie

“Queer Man Peering Into A Rock Pool.jpg” con la sua demo qui da owof ha stabilito un record: meno di tre secondi dall’avvio e già piangevamo di gioia.

Regola non scritta dei videogiochi: si cammina in un solo modo.

L’avanzata del protagonista è lineare, impostata.

È la camminata dell’eroe figo e capace, anche quando l’eroe è un’eroina.

Le gambe sono due linee rette, il corpo se ne sta sostenuto, spavaldo come chi sa che gli è tutto dovuto.

Le camminate strane sono lasciate ai giochi scaricanervi e allɜ comic relief.

È un modo molto cisetero di camminare.

Ora condivideremo un segreto LGBTQIA*: noi ci impegniamo a imitare la camminata cistetera perché i nostri corpi sono strutturalmente diversi. In particolare: le gambe se ne stanno divaricate e le ginocchia hanno una rotazione randomica a 360*; i piedi guardano in più direzioni perché non sappiamo mai dove sarà la prossima cosa favolosa da inseguire o il parente molesto da evitare; le braccia non conoscono la forza di gravità, cosa evolutivamente necessaria per volare via dai fasci.

Vedere camminare lə protagonista di Queer Man è stato come vedersi per la prima volta allo specchio.

Quando poi ha iniziato a saltare, abbiamo pensato a tutti i bulli che ci prendevano in giro da piccolɜ perché non abbastanza maschie e abbia visto nella sua libertà priva di vergogna un bellissimo, gigantesco, fanculo.

Siamo validɜ e bellɜ anche quando corriamo e saltiamo come se fossimo fattɜ di pongo. Lasciamo le camminate rigide e noiose ai bulli.

Fare giochi con personaggɜ non conformi è necessario, ma richiede un’enorme capacità di ascolto.

Le vite di chi esce dalla norma sono diverse. Non basta creare un personaggio standard e attaccarci un’etichetta random per creare unə personaggə vivə.

È un lavoro in più, una gran fatica.

Ma se tutto andrà bene, qualcunə un giorno vi dirà che ha pianto di gioia dopo tre secondi dall’inizio del vostro gioco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.